Ti abbiamo inviato un link di accesso tramite e-mail.

“Ti ho portato in questo mondo e potrei portartene fuori così velocemente che la tua testa girerebbe. “

Crescendo, questo era qualcosa che sentivo spesso da mia madre. All’epoca, credevo che mia madre avesse solo una” serie di cattiverie “, ma ora conosco molte delle sue parole e le azioni erano effettivamente offensive. A causa di questo commento (e di molti altri simili), non sorprende che sono cresciuto sentendomi non amato, non supportato e decisamente terrorizzato per la maggior parte della mia infanzia.

Anche se so che mia madre (come tanti altri genitori che abusano dei propri figli) ha subito abusi, non è una scusa per gli anni di danni psicologici che ha causato a me stessa più giovane. Se riesci a metterti in relazione con la mia esperienza di crescita con un genitore violento, non sei solo.

Poiché il comportamento violento dei genitori può spesso passare sotto il radar, è importante per noi parlare dei segnali. Per aprire questa conversazione, abbiamo chiesto ai membri della nostra comunità Mighty di condividere un “segno” di un genitore violento che spesso trascuriamo. Oltre alle loro esperienze, abbiamo analizzato il motivo per cui ogni comportamento può essere offensivo. Prima di iniziare, vogliamo farlo prefazione dicendo che questo elenco non è esaustivo, ma solo una piccola parte della vasta e poco discussa categoria dei genitori violenti.

Se stai lottando con l’impatto emotivo di crescere con un genitore violento, non sei solo. Sei degno di sostegno, convalida e assistenza mentre guarisci. Se sei interessato a ricevere maggiore supporto nel tuo percorso di recupero, iscriviti per la nostra newsletter Trauma Survivors con l’incoraggiamento settimanale di persone che sono state lì.

Ecco alcuni “segni” di un genitore violento di cui dobbiamo parlare:

Ritenere o fare un figlio “Guadagna” Necessità di base

Genitori che privano maliziosamente i loro figli dei loro bisogni fondamentali o che fanno sentire i loro figli in colpa perché le cose che un genitore è obbligato a fornire sono offensive.

“Sono stato abusato dai miei genitori, ma la cosa che ho notato quando la mia compagna di scuola veniva maltrattata dai suoi genitori era che la madre faceva sempre dei bisogni primari come cibo, vestiti, tetto sopra la testa un “privilegio” da guadagnare. Se la mia amica ha fatto una cosa sbagliata, le è stata gettata in faccia. ” – Kirsty F.

“Usare le necessità come mezzo di controllo. Usare le necessità per farti sentire come se non venissi abusato. Per tutta la vita ho sentito:” Almeno ti ho messo un tetto sopra la testa ! “” Almeno ti do da mangiare! “” Almeno non ti picchio! “E ho cercato di dire a me stesso che ero egoista per essermi sentito male dopo gli abusi, perché avevo una casa e del cibo e non ero abusato fisicamente. Fino a quando non sono diventato adulto, non mi sono reso conto che quelli erano diritti umani fondamentali. Pensavo che non essere picchiato o fatto morire di fame fossero solo privilegi che dovevo guadagnare “. – Ashley B.

“Parentification” o Enmeshment

” La genitorialità “, nota anche come” incesto nascosto “o invischiamento, descrive una relazione” troppo stretta per il conforto “tra un genitore e un figlio in cui i confini sono sfocati e il bambino può finire per sentirsi meno come un bambino e più come un partner romantico.

“Genitorialità. Non è responsabilità di un bambino prendersi cura dei bisogni del genitore. Il bambino sviluppa un attaccamento ansioso dipendente dai bisogni del genitore … Inoltre, sente costantemente che qualsiasi cosa brutta che accada è colpa sua. Non riesco ancora a liberarmene e ho 42 anni e sono in terapia da tre anni e mezzo. È una ferita profonda che richiede un enorme sforzo per guarire. ” – Monika S.

“Quando il genitore fa affidamento sul bambino per il supporto emotivo. Parla al bambino piccolo come farebbe un amico adulto. Questo non è solo fonte di confusione, ma anche la capacità del bambino di sapere cosa sane relazioni interpersonali e confini sono. ” – Jodie A.

Favorire un bambino rispetto a un altro

Secondo a Ellen Weber Lilly, Ph.D, autrice di “The Favorite Child”, non tutti i casi di favoritismo infantile sono abusivi, ma quando diventa violento, i bambini preferiti possono crescere con una visione distorta e gonfiata di se stessi, mentre i bambini sfavorevoli possono crescere con una visione distorta e negativa di se stessi.

“Favorire un bambino rispetto all’altro. Allontanare un bambino a favore dell’altro.” – Amanda K.

Presa in giro / umiliazione incessante

Secondo Karyl McBride, Ph.D., LMFT, un classico segno di l’abuso emotivo infantile è l’uso della vergogna e dell’umiliazione. Ciò può includere prese in giro aspre e incessanti o mettere un bambino di fronte a un pubblico.

“Quando un genitore ‘prende in giro’ un bambino al punto che quel bambino scoppia in lacrime.È un abuso emotivo e causa anni di insicurezze e disgusto di sé “. – Sarah H.

Non concedere la privacy a un bambino

Non consentire a un bambino di avere una privacy adeguata all’età può influire sulla sua capacità di fidarsi degli altri, mantenere i propri confini e rispettare i confini degli altri. Leggere il diario di un bambino, ad esempio, è un esempio di questo tipo di abuso.

“Mancanza di privacy. Conosco troppe persone, me compreso, che hanno avuto zero o nessuna privacy crescendo. Questo includeva, ma non si limitava a, raid telefonici, raid in camera, rimozione della porta dai cardini in modo da non poter “nascondere” nulla, ecc … Da adulto posso vedere che questo comportamento non era ‘t sempre’ per la mia protezione. ‘A volte si trattava di abusi nascosti sotto l’apparenza di sicurezza. Un comportamento del genere mi ha portato ad essere malvagiamente difensivo e protettivo sul mio spazio e sui miei beni – a volte può rasentare la paranoia “. – Shmelshey S.

Minaccia di violenza fisica (anche se non c’è intenzione di usarlo effettivamente Violenza)

La minaccia della violenza fisica crea un ambiente pericoloso per un bambino. Anche se non viene fatto alcun danno fisico, questo tipo di tattica della paura è emotivamente violenta e può essere dannosa quanto l’abuso fisico effettivo.

“Intimidazione. Mio padre sarebbe rimasto in fondo alle nostre scale di notte se non ci fossimo sistemati per andare a dormire e ci spezzassimo la cintura. Sapevamo cosa significava. ” – Toni C.

Making Siblings “Compete” for Love and Approval

Sebbene simile al favoritismo, questo tipo di abuso emotivo non riguarda solo la scelta di un figlio rispetto all’altro, ma si tratta di incoraggiare attivamente e “mettere i fratelli” uno contro l’altro. Rafforza la menzogna secondo cui l’amore dei genitori dovrebbe essere “guadagnato” invece che dato liberamente e incondizionatamente.

“Mettere i bambini l’uno contro l’altro in modo da dover competere con i tuoi fratelli per l’approvazione. E ogni bambino pensa che l’altro stia meglio; che ama di più l’altro bambino. Punti bonus se può giocare i bambini contro l’altro genitore in modo che ogni persona della famiglia sia isolata da tutti gli altri “. – Tracy S.

Usare la religione per far vergognare un bambino

La religione può essere una cosa bella per molte famiglie, ma in alcuni casi può essere distorta e usata come strumento di vergogna e condanna. Usare la religione per svergognare un bambino (invece di indicarlo amorevolmente ai valori spirituali) può essere dannoso perché in molte religioni Dio è una figura paterna. Ciò implica che non solo il genitore biologico si vergogna di te, ma anche il padre ultimo dell’universo.

“Danno religioso. Mia madre mi ha chiamato ‘Jezebel’ da quando avevo 8 anni. Mi ha cresciuto in una religione molto severa e sapevo chi fosse nella Bibbia. Tutto ciò che ho fatto di sbagliato è stato trasformato in vergogna da Dio … Non ero altro che un pezzo di merda nel suo mondo. Ho passato la mia vita cercando di farmi amare da lei. Il mio colore preferito era il suo. Il mio cibo preferito era il suo. La mia canzone preferita era la sua. L’ho rispecchiata nella speranza che lo facesse Non sapevo nemmeno di farlo fino alla mia prima seduta di terapia quando avevo 14 anni. Ci sono voluti cinque anni per scoprire che il mio colore preferito era il verde. Ho dovuto scavare da tutto l’essere lei per trovare me stesso. È stata una tale lotta. ” – Jessica B.

Abbandono emotivo o assenza

A volte Il comportamento violento riguarda meno ciò che un genitore fa a un bambino e più ciò che non fa. La collaboratrice di Scary Mommy Anna Redyns ha scritto: “La cosa complicata è che non è un tipo attivo di abbandono. Non puoi vederla nel modo in cui puoi vedere la guancia ammaccata di un bambino o sentire la sua pancia borbottante. ” Questo può essere incredibilmente dannoso per un bambino perché potrebbe non rendersi conto di essere stato abusato, ma convive comunque con l’impatto emotivo della negligenza, spesso alle prese con la sua salute mentale e la sua autostima come risultato.

“Negligenza; assenza. Mio padre è stato maltrattato fisicamente da bambino, quindi il suo modo di” aggiustarlo “, cioè non abusare fisicamente, era ignorarci completamente. Non ha mai avuto un lavoro , quindi era sempre a casa. Ma mai “lì”. “- Amanda L.

Mostrare amore in modo condizionale

Quando i genitori mostrano amore incondizionatamente, i bambini imparano di essere amati e desiderati, anche quando commettono errori. Quando i genitori danno amore in modo condizionale, ai bambini viene insegnato il contrario e possono lottare con il perfezionismo e cercare di farlo “guadagnare” amore.

“Amore condizionale. Un genitore che ritira il proprio affetto quando il figlio gli ha dispiaciuto o ha fatto qualcosa che disapprovano.” – Steph E.

Usare un bambino per “tornare” dall’altro genitore

Mettere un bambino nel mezzo di una discussione tra genitori è emotivamente violento. Questo tipo di comportamento è spesso associato a genitori che stanno divorziando e un genitore violento può utilizzare i bambini per ottenere informazioni sull’altro genitore, “avvelenare” il bambino contro l’altro genitore o far scegliere al bambino da che parte stare.

“Sta usando tuo figlio come una pedina contro l’altro genitore! Mia madre e mio padre lo hanno fatto entrambi questo. “Dillo a tua madre questo.” “Dillo a tuo padre questo.” “Tua madre è questo, tuo padre è quello.” La quantità di volte che hanno provato mentalmente a trapanare nelle nostre teste perché l’un l’altro era il peggior genitore era così dannatamente dannoso per un bambino! ” – Amber L.

Non accettare niente di meno della perfezione

Aspettarsi la perfezione da un bambino può insegnare ai bambini che saranno amati solo se un buon rendimento. Uno studio condotto a Singapore ha rilevato che i “genitori di elicotteri” perfezionisti possono rendere i bambini eccessivamente autocritici e minare la loro fiducia e fiducia in se stessi.

“Esigere la perfezione assoluta dai loro figli quando si tratta di voti.” Oh, hai un 90/100? Facciamolo un A ancora migliore! “” – Veronica S.

Costante “inciampo in colpa”

Essere “inciampato in colpa” da una figura autoritaria come un genitore può causare danni reali, spesso rende difficile per un bambino affermare confini sani nell’età adulta. È offensivo perché utilizza la disuguaglianza di potere tra un genitore e un figlio in un modo che il bambino spesso non si rende conto che è ingiusto e sfruttatore.

“Quando un genitore fa sentire il proprio figlio colpevole per la cosa più piccola. Non è male se si verifica una volta. È un abuso quando si verifica per anni e forse per tutta la loro vita. Il bambino crescerà temendo di deludere i propri genitori e, per alcuni, questo può impedire loro di fare le cose che vogliono. espressione di sé, hanno una minore autostima e si sentiranno come dei fallimenti Mi piace chiamarla la “carta del senso di colpa” quando mia madre l’ha “giocata”. Mi rimproverava perché non sto facendo le cose a modo suo e poi continuava a raccontarmi le sue storie di vita su quanto la sua vita sia dura. Da bambino, non volevo rispondere a mia madre perché era una cosa irrispettosa da fare, ma crescendo, ho sviluppato ansia e depressione a causa della costante paura di finire nei guai. È una tattica di manipolazione che usa mia madre e credo che ci siano anche molti altri genitori che la usano “. – Vy N.

Fare la vittima e incolpare sempre il bambino

Questo tipo di comportamento è emotivamente violento perché modella l’incapacità di assumersi la responsabilità di un comportamento scorretto. Può creare problemi nell’età adulta se un bambino imita il genitore e interpreta costantemente anche la vittima, o se il bambino ha imparato che è sempre in colpa e incolpa continuamente se stesso.

“Colui che non può sbagliare ed è sempre la vittima. Il genitore parlerà male del proprio figlio, facendo la vittima, a tutti i parenti e amici e indurre le persone (inclusi insegnanti, genitori di amici, familiari, ecc.) a giudicare il bambino e dubitare del bambino senza nemmeno conoscerli, nominandoli il ‘bambino problematico’ senza nemmeno dare al bambino una possibilità. ” – Nicole A.

Non permettere mai a un bambino di comunicare i propri bisogni

Frenare la capacità di un bambino di parlare per lui o se stessa quando è in grado può essere violento. I bambini dovrebbero sentirsi al sicuro nell’esprimere i loro bisogni ed emozioni – questo è necessario per una comunicazione sana in età adulta.

“Parlando per loro. Un genitore violento interromperà quando qualcuno sta facendo una domanda al bambino o il bambino sta parlando con un altro adulto. Per evitare di essere scoperto. ” – Charlena J.

Abuso verbale o ridicolo come “disciplina”

Anche se da bambini ci viene insegnato “bastoni e pietre” adagio, la realtà è che le parole fanno male, in particolare quando la persona che infligge parole dannose è un genitore o un adulto incaricato di proteggerti e provvedere a te. In uno studio che ha esaminato se l’abuso verbale infantile aumentasse il rischio di sviluppare disturbi di personalità (PD), è stato scoperto che l’abuso verbale infantile può contribuire allo sviluppo di alcuni tipi di PD e altri disturbi psichiatrici concomitanti.

“Abuso verbale come ‘disciplina’ Udito ‘Lavoro tutta la settimana e torno a casa per questo ?!’ e sentire come viene fornito il cibo ai bambini e, a loro volta, i bambini si sentono in colpa per qualsiasi richiesta fatta. Come il cibo, una guida da qualche parte (scuola, chiesa). Responsabilità dei genitori di base “. – Kyanna S.

“Costante ridicolo anche quando faccio cose buone per me stesso, interrogandomi sulla mia vita sessuale, esaminando le mie cose e rubandone alcune dopo che me ne sono andato.” – Brad B.

Anche dire a un bambino di “smettere di piangere” o di chiamarlo ” Sensitive “

Una parte vitale della crescita è sviluppare un’identità separata da quella dei tuoi genitori, in particolare quando si tratta di esprimere emozioni. Può essere emotivamente offensivo far vergognare un bambino per aver provato emozioni” sfavorevoli “, perché le emozioni non sono “cattivi” o “buoni”, ma semplicemente.

“Dire a tuo figlio di smettere di piangere. Ci sono modi per fermare il pianto senza farli vergognare per aver mostrato emozioni. In realtà è qualcosa di cui devo essere consapevolmente consapevole con i miei figli, poiché hanno ereditato molta sensibilità da me. Vale la pena tenere sotto controllo quelle reazioni, perché i bambini piangono molto “. – Elizabeth B.

“Essere chiamata ‘troppo sensibile’. Sono cresciuta sentendo che i miei sentimenti non erano validi e che ogni reazione era una reazione eccessiva.” – Kiandra Q.

Violare i limiti di età di un bambino, dicendo che è un “diritto” dei genitori

Non consentire a un bambino di affermare i propri confini sulla base del “diritto” dei genitori può essere offensivo. Ad esempio, se un bambino arriva a un’età in cui vuole vestirsi e spogliarsi in privato e non gli è permesso perché un genitore dice che è un suo “diritto” di monitorare un bambino in ogni momento, questo può insegnare a un bambino che non lo fa meritano di far valere le loro esigenze e se ci provano i loro limiti non verranno rispettati.

“Il diritto dei genitori a ‘diritti’ come trattarti come vogliono o essere incluso in qualcosa o ignorare i tuoi limiti perché è il loro ‘diritto’ come tuo genitore.” – Abbie M.

Invalidare costantemente le lotte di un bambino

Invalidazione è un ottimo esempio di abuso emotivo, specialmente quando viene utilizzato per giustificare pratiche genitoriali inadeguate sulla base di “avrebbe potuto essere peggio”.

“No convalidare qualsiasi cosa. Dicendo: “Ai miei tempi, era molto peggio” e poi dando esempi di come stavano le cose. Un esempio potrebbe essere: farsi sculacciare per aver pianto troppo. ‘Ai miei tempi siamo stati colpiti da un interruttore – almeno stai ricevendo una pagaia!’ Come se dovesse giustificare il pestaggio. ” – Falina B.

Rubare o prendere i soldi guadagnati da un bambino

Genitori che si sentono autorizzati ai soldi guadagnati dai loro figli perché sostenuti e forniti ai propri figli possono agire in modo abusivo. Può insegnare al bambino che non sono in grado di proteggere i propri averi e che perennemente “devono” i loro genitori per averli allevati – un obbligo che un genitore ha nei confronti di un bambino, non qualcosa che il bambino dovrebbe avere di “ripagare”.

“Mia madre ha perquisito la mia persona e le mie cose ogni giorno e ha tolto la porta dalla mia stanza. Ho dovuto pagare per vivere lì, per fare il bucato o anche mangiare, dall’età di 14 anni fino a quando me ne sono andato a 18. Ha anche preso i soldi che avrei guadagnato facendo da babysitter al bambino della porta accanto. Quando ho iniziato a metterlo in un conto di risparmio, ha scoperto, ha falsificato la mia firma e ha preso quasi 400 dollari: era tutto ciò che conteneva “. – Amanda P.

Rendere tuo figlio quello che vuoi che sia rispetto a quello che vogliono essere

Nel tentativo di vedere i bambini “realizzare il loro potenziale”, alcuni genitori cercano di modellare i loro figli in ciò che pensano che dovrebbero essere . Questo può essere offensivo perché spesso significa che a un bambino non è consentito esprimere la sua vera identità e tutto ciò che devia dall’ideale del genitore potrebbe essere rifiutato, portando potenzialmente a una scarsa autostima e perfezionismo.

“Volevo che tu fossi come loro. Dovevo avere la stessa prima macchina che aveva mio padre, partecipare agli stessi sport, ecc.” – Tim K.

“Essere costretti a intraprendere una vita / carriera che aiuta a rafforzare i desideri di un genitore, indipendentemente dall’effetto che ha sul bambino. Invece di desiderare che siano felici nella vita e facciano ciò che vogliono, l’unica approvazione viene da ciò che ritengono opportuno. Anche se il bambino / adolescente non vuole. Quindi usarlo per gongolare gli altri come se il bambino fosse una sorta di possesso prezioso piuttosto che un bambino, ma non mostrando alcuna approvazione / rispetto per ciò che al bambino / adolescente piace realmente nella vita. Questo è parallelo non solo alla carriera, ma anche alle scelte di vita e agli hobby che vengono scelti da un bambino per compiacere i propri genitori. Molti genitori pensano che un bambino viva per “renderlo orgoglioso”, piuttosto che per essere felice. E nessun bambino o giovane adulto dovrebbe ritenere responsabile dell’orgoglio dei propri genitori “. – John L.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *