Rome, Open City (1945) (Italiano)

Come tanti film girati durante o subito dopo la seconda guerra mondiale, questo rivela di più sulle circostanze della sua creazione di qualsiasi altro romanzo nella trama. Le scorte di buoni e cattivi riempiono lo schermo, e il tono cupo di tutto supera ogni tentativo veramente oggettivo di criticarlo secondo una serie di standard spassionati. Il fatto che sia stato realizzato e continui ad essere mostrato a un pubblico riconoscente tramite la televisione via cavo parla da solo.
La forza della produzione sta davvero nelle potenti scene individuali e in una recitazione ispirata. Cattura l’attenzione sin dall’inizio e tiene lo spettatore rapito fino agli ultimi minuti, anche se i valori cinematografici sono nella migliore delle ipotesi rozzi, che richiedono un occhio indulgente. Ci si identifica facilmente con la sua forza emotiva.
Detto questo, i suoi difetti sono piuttosto evidenti. I nazisti principalmente non sono madrelingua tedeschi, con accenti che vanno dall’olandese all’italiano, e l’unico ufficiale tedesco che parla male della “razza padrona” è nelle sue coppe piuttosto che un sobrio giudice del male che lo circonda. Lo spettatore farebbe bene a ricordare che il fascismo in Italia era un fenomeno interno ben prima che i tedeschi prendessero il controllo dello spettacolo nel 1944. Notare come la minaccia rossa viene lanciata di fronte agli italiani patriottici come uno stratagemma per ottenere la loro acquiescenza al controllo nazista. Anche gli elementi di decadenza morale tra i malfattori diminuiscono, anziché accrescere, l’affermazione che essi siano autori razionali di quel male, intenzionati a scusare le loro azioni distorcendo la verità per adattarla alla loro agenda.
Eppure questa era una riflessione italiana contemporanea sul fresco. storia, e questo non può essere criticato dai revisionisti del 21 ° secolo. Ha anche restituito all’Italia un’industria vitale e ha fatto presagire molti grandi film che l’hanno seguito.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *