Passaggi da compiere e cosa aspettarsi quando si svezza da un PPI – Tampa Bay Reflux Center

Ormai probabilmente avrai sentito parlare dei pericolosi effetti collaterali degli inibitori della pompa protonica , più comunemente indicato come PPI. Questi farmaci che sopprimono l’acido una volta erano acclamati per la loro efficacia nel ridurre la frequenza del reflusso acido causato da GERD e per la loro mancanza di effetti collaterali dannosi. Oggi, i dati ci sono e raccontano una storia diversa.

Gli IPP non sono mai stati pensati per essere usati come soluzione a lungo termine per il reflusso acido e la MRGE. Mentre il farmaco sopprime il reflusso acido e gli altri sintomi di GERD, porta anche a malassorbimento di calcio e osteoporosi, carenza di B12 e anemia e SIBO (Small Intestine Bacterial Overgrowth) che causa l’accumulo di batteri nell’intestino tenue invece che nell’intestino crasso , a cui appartiene. Oltre a questo, gli IPP non fanno nulla per trattare la vera fonte dei tuoi problemi di reflusso: un problema anatomico con lo sfintere esofageo inferiore che gli impedisce di chiudersi correttamente e consente all’acido di schizzare di nuovo nell’esofago.

I pazienti stanno vedendo tutti i dati recenti sui pericoli degli IPP e, man mano che diventano più consapevoli di metodi di trattamento alternativi più sicuri per il loro GERD, stanno facendo la scelta di abbandonare i loro farmaci. Sfortunatamente per molti pazienti, abbandonare gli IPP è più facile a dirsi che a farsi. Non è qualcosa che può essere fatto dall’oggi al domani, e i pazienti ne sentono gli effetti quando provano a diventare tacchino freddo. Invece, ti consigliamo di svezzarti lentamente dai tuoi IPP con l’aiuto di un medico per il reflusso. Al Tampa Bay Reflux Center, incoraggiamo tutti i nostri pazienti a prendere provvedimenti per svezzarsi dagli IPP e cercare opzioni di trattamento alternative come la chirurgia anti-reflusso, l’unica cosa dimostrata per trattare efficacemente la GERD a lungo termine correggendo la LES e alleviando i sintomi di GERD.

Ecco alcuni passaggi che puoi compiere quando ti svegli da un PPI, oltre a cosa aspettarti dal processo.

Come svezzare gli IPP

Per quanto gli IPP siano dannosi per te, smettere di fumare può essere anche peggio. Gli IPP funzionano bloccando la produzione di acido nello stomaco, ma quando esci, ti colpisce tutto in una volta. L’iperacidità di rimbalzo porta spesso le persone a tornare al loro PPI.

Per evitare questo, consigliamo un sistema passo passo. Ma, prima di provare questi passaggi, assicurati di consultare il tuo medico per il reflusso per assicurarti che si applichino a te.

Passaggio 1: inizia alternando 1 PPI / giorno e 2 PPI / giorno. Nei giorni con 1 PPI, prendi il PPI con il tuo pasto più abbondante. Se necessario, integrare con anti-H2 o antiacidi da banco.

Passaggio 2: dopo 2 settimane di alternanza, ridurre l’assunzione a circa 1 PPI / giorno. Prendi il PPI con il tuo pasto più abbondante. Se necessario, integra con antiacidi o bloccanti H2 da banco.

Passaggio 3: dopo circa altre 2 settimane, puoi provare a interrompere completamente.

Ricorda sempre quella dieta e l’esercizio gioca un ruolo nel tuo reflusso acido e nei sintomi di GERD. Durante lo svezzamento, assicurati di implementare sia la dieta che i cambiamenti nello stile di vita. Se il tuo BMI è pari o superiore a 25, prendi in considerazione un programma di perdita di peso prima del processo di svezzamento per ridurre il reflusso acido. Puoi aspettarti di sperimentare più reflusso acido durante lo svezzamento da PPI rispetto a quando eri con i PPI. Questo è normale, poiché i “picchi di acido” sono un effetto collaterale comune del processo di svezzamento e possono essere trattati con antiacidi o bloccanti H2 da banco. Anche questi farmaci non sono pensati per un uso a lungo termine, ma possono aiutarti a smettere il tuo PPI per sempre! Assicurati di avere un piano di trattamento sicuro a cui puoi passare una volta che hai lasciato il tuo PPI. Se hai domande sulle opzioni di trattamenti alternativi per reflusso acido e GERD, assicurati di contattare il nostro ufficio o prenotare un appuntamento!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *