Monitorare le temperature della CPU e della GPU su Linux

Breve: questo articolo discute due semplici modi per monitorare le temperature della CPU e della GPU nella riga di comando di Linux.

Grazie a Steam (incluso Steam Play, alias Proton) e ad altri sviluppi, GNU / Linux sta diventando la piattaforma di gioco preferita da sempre più utenti di computer ogni giorno. Un buon numero di utenti sceglie GNU / Linux anche quando si tratta di altre attività di elaborazione che consumano risorse come l’editing video o la progettazione grafica (Kdenlive e Blender sono buoni esempi di programmi per questi).

Sia sei uno di quegli utenti o altrimenti, ti sarai sicuramente chiesto quanto possono surriscaldarsi la CPU e la GPU del tuo computer (ancora di più se fai overclock). Se è così, continua a leggere. Esamineremo un paio di comandi molto semplici per monitorare le temperature di CPU e GPU.

Dato che stiamo parlando di comandi, potresti voler imparare come ottenere i dettagli della GPU nella riga di comando di Linux.

Il mio setup include uno Slimbook Kymera e due display (un televisore e un monitor per PC) che mi permettono di usarne uno per giocare e l’altro per tenere d’occhio le temperature. Inoltre, poiché utilizzo il sistema operativo Zorin, mi concentrerò sui derivati Ubuntu e Ubuntu.

Per monitorare il comportamento sia della CPU che della GPU utilizzeremo il comando watch per avere letture dinamiche ogni certo numero di secondi.

Monitoraggio della temperatura della CPU in Linux

Per le temperature della CPU, combineremo i sensori con il comando watch. Il comando dei sensori è già installato su Ubuntu e molte altre distribuzioni Linux. In caso contrario, puoi installarlo utilizzando il gestore di pacchetti della tua distribuzione. È disponibile come sensori o pacchetto lm-sensori.

Un articolo interessante su una versione gui di questo strumento per controllare la temperatura della CPU è già stato trattato su It’s FOSS. Tuttavia, useremo la versione del terminale qui:

Il comando watch garantisce che le letture verranno aggiornate ogni 2 secondi (e questo valore può – ovviamente – essere modificato in base alle tue esigenze):

Tra le altre cose, otteniamo le seguenti informazioni:

  • Al momento abbiamo 6 core in uso (con il la temperatura massima attuale è 37,0 ° C).
  • I valori superiori a 82,0 ° C sono considerati alti.
  • Un valore superiore a 100,0 ° C è considerato critico.

I valori sopra ci portano alla conclusione che il carico di lavoro del computer è molto leggero al momento.

Se sei interessato, c’è uno strumento avanzato chiamato CoreFreq che puoi usare per ottenere informazioni dettagliate sulla CPU.

Monitoraggio della temperatura della GPU in Linux

Passiamo ora alla scheda grafica. Non ho mai usato una scheda grafica dedicata AMD, quindi mi concentrerò su quelle Nvidia. La prima cosa da fare è scaricare il driver corrente appropriato tramite driver aggiuntivi in Ubuntu.

Su Ubuntu (e sui suoi fork come Zorin o Linux Mint), andando su Software & Aggiornamenti > Aggiuntivo I driver e la selezione di quello più recente normalmente sono sufficienti. Inoltre, puoi aggiungere / abilitare il ppa ufficiale per le schede grafiche (tramite la riga di comando o tramite il software & Aggiornamenti > Altro software) .

Dopo aver installato il driver avrai a tua disposizione l’applicazione gui di Nvidia X Server insieme all’utility della riga di comando nvidia-smi (Nvidia System Management Interface). Quindi useremo watch e nvidia-smi:

E, come per la CPU, avremo letture aggiornate ogni due secondi:

Il grafico fornisce le seguenti informazioni sulla scheda grafica:

  • utilizza il driver open source versione 418.56.
  • la temperatura corrente della scheda è 54,0 ºC – con la ventola allo 0% della sua capacità.
  • il consumo energetico è molto basso: solo 10W.
  • su 6 GB di vram (video random access memory), utilizza solo 433 MB.
  • il vram utilizzato viene preso da tre processi i cui ID sono – rispettivamente – 1557, 1820 e 7820.

La maggior parte di questi fatti / i valori mostrano che – chiaramente – non stiamo giocando a giochi che consumano risorse o abbiamo a che fare con carichi di lavoro pesanti. Se dovessimo iniziare a giocare a un gioco, elaborare un video o qualcosa di simile, i valori inizierebbero a salire.

Conclusione

Anche se ci sono strumenti gui, trovo questi due comandi molto utile per controllare il tuo hardware in tempo reale.

Cosa ne pensi? Puoi saperne di più sulle utilità coinvolte leggendo le loro pagine man.

Hai altre preferenze? Condividetele con noi nei commenti,;).

Halof !!! (Divertiti!!!).

Alejandro Egea-Abellán

È il collaboratore della comunità FOSS

Ho sviluppato una passione per l’elettronica, la linguistica, l’erpetologia e i computer (in particolare GNU / Linux e FOSS). Sono certificato LPIC-2 e attualmente lavoro come consulente tecnico e amministratore Moodle nel Dipartimento per l’apprendimento permanente presso il Ministero dell’Istruzione a Murcia, in Spagna. Credo fermamente nell’apprendimento permanente, nella condivisione della conoscenza e nella libertà degli utenti del computer.

Ti piace quello che leggi? Condividilo con altri.

287Condivisioni
  • Facebook252
  • Twitter32
  • LinkedIn1
  • Reddit0
  • Pocket0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *