Molotov-Ribbentrop Cosa? I russi sanno del patto chiave della seconda guerra mondiale?

Ma come Gadin e altri intervistati nella capitale russa, ha affermato che l’Europa stava confondendo il record storico per minimizzare o incrinare il ruolo dell’Unione Sovietica nella conquista del fascismo.
“Non mi piace il modo in cui l’Europa descrive la guerra. Penso che gli Stati Uniti, in collaborazione con altri paesi, abbiano cercato di distorcere la verità su quanto accaduto.”
“Dicono che la Russia non abbia preso parte”, ha detto Shishmaryova , senza chiarire chi in Occidente fa tali affermazioni. “Ma abbiamo perso così tante persone in quella guerra.”
Galina Kotova, una dottoressa di 25 anni, concorda. Come Gadin, non aveva sentito parlare del patto, ma ha suggerito che l’Occidente stava macchiando il passato della Russia.
“Ci incolpano sempre di qualcosa”, ha detto. “È sempre stato così”.
Che i bambini nelle classi russe oggi stiano imparando l’intera storia dietro il patto Molotov-Ribbentrop è dubbio.
Nel settembre 2016, tre libri di testo di storia sono stati approvati dal ministero dell’Istruzione, tutto ciò ha cancellato i crimini di Stalin e il suo patto di non aggressione con Hitler.

Olga Vasilyeva, che era diventata ministro dell’istruzione all’inizio di quell’anno, ha difeso le politiche sovietiche e ha rilasciato dichiarazioni controverse su Stalin.
Tatyana Uvarova, un’insegnante di storia alla Scuola di Mosca n. 1551, ha detto che la quantità di tempo in classe dedicata alla discussione del patto dipende in gran parte dall’insegnante e dalla scuola. Il patto viene di solito toccato nelle classi successive, con i recenti cambiamenti che lo hanno spostato al curriculum del decimo anno.

“Domanda molto sensibile”
Sulla questione dello smembramento segreto della Polonia da parte dei due totalitari regimi, la cui conoscenza si è gradualmente diffusa in Europa, Uvarova equivoca.
“Questa è una domanda molto delicata”, ha detto. “Le persone qui non la vedono proprio così. E per favore non dimenticare che molti russi vedere l’Unione Sovietica come l’Impero Russo, e vari territori facevano parte dell’Impero Russo. Quindi questo a volte viene presentato come una riacquisizione di un territorio perduto. “
Meno di due anni dopo la firma del patto di non aggressione, la Germania nazista invase l’Unione Sovietica il 22 giugno 1941, con l’operazione Barbarossa. Alla fine della guerra, il Soviet L’Unione aveva perso circa 25.000.000 di persone, mentre l’Armata Rossa probabilmente ha fatto la maggior parte dei combattimenti nel teatro europeo.
Putin e il suo governo si sono concentrati sui sacrifici sovietici nella guerra e sul suo ruolo nella sconfitta della Germania nazista, senza menzionare il ruolo svolto dai suoi alleati in tempo di guerra. A maggio, poco prima del 75 ° anniversario del D-Day, la portavoce del ministero degli Esteri russo Maria Zakharova ha notato lo sbarco in Normandia che ha liberato l’Europa occidentale dall’occupazione nazista. Lo storico sforzo alleato, ha detto Zakharova, non ha avuto alcun impatto sul corso della guerra, che era già stato “predeterminato” dai sacrifici dell’Armata Rossa sovietica.
Nel 2009 in Polonia, nel 70 ° anniversario del patto, Putin lo definì “immorale” prima di incolpare l’Occidente per essersi rifiutato di sostenere l’Unione Sovietica.

Una mappa della Polonia firmata da Stalin e Ribbentrop che aggiusta il confine tedesco-sovietico dopo l’invasione del 1939.

Cinque anni dopo, Putin incolpava ancora l’Occidente – in particolare Gran Bretagna e Francia – per i crimini di Hitler, ma ha detto che il patto di non aggressione tra Germania e Russia non era niente di straordinario.
Invece, ha esortato i giovani storici a scavare nei dettagli che hanno portato alla guerra , tra gli altri argomenti.
Secondo Putin, gli storici occidentali oggi “zittiscono” l’accordo di Monaco del 1938, in cui Francia e Gran Bretagna – guidate da Neville Chamberlain, il primo ministro britannico – placarono Hitler permettendogli di annettersi I Sudeti della Cecoslovacchia.
“Chamberlain è venuto, ha sventolato un pezzo di carta e ha detto:” Ti ho portato la pace “quando è tornato a Londra dopo i colloqui”, ha detto Putin cinque anni fa.

“Al che Churchill, credo, disse da qualche parte a un piccolo gruppo di persone:” Ecco, ora la guerra è inevitabile “. Perché il compromesso con un aggressore nella forma della Germania di Hitler stava chiaramente portando a un futuro conflitto militare su larga scala, e alcune persone lo capirono. “

VEDI ANCHE: Profilo: Vladimir Medinsky , Il controverso nuovo ministro della cultura russo

Anche altri funzionari russi hanno difeso l’alleanza sovietica con i nazisti. Il ministro della cultura Vladimir Medinsky, noto per i suoi romanzi pseudo-storici, ha affermato che il patto “merita un monumento”.
Che Stalin non avesse scelta e che il patto fosse di natura difensiva, è stato a lungo una parte fondamentale della narrativa di Mosca.

Il 14 agosto, i media russi, tra gli altri, hanno riferito che gli storici di Mosca aveva scoperto una miniera di documenti relativi alle relazioni bilaterali prebelliche tra la Germania e l’Unione Sovietica.

I documenti, secondo quanto riferito, coprivano gli anni dal 1932 al 1941, mostrano che la Germania nazista era l ‘”iniziatore” del patto di non aggressione, secondo Sergei Naryshkin, il presidente di So. storico-militare della Russia città.
“Non volendo fare la guerra su due fronti, la Germania ha acconsentito a concessioni senza precedenti per garantire la neutralità sovietica durante la sua campagna di Polonia”, ha detto Naryshkin, anche il capo dei servizi segreti esteri della Russia e alleato di Putin. 14 agosto dall’agenzia di stampa statale RIA-Novosti.

Non era la prima scoperta del genere. Con poco clamore, la Fondazione per la memoria storica ha pubblicato il 31 maggio ciò che diceva erano le copie originali della versione russa del patto Molotov-Ribbentrop, compresi i protocolli segreti. Ha detto che i documenti sono stati ottenuti dal dipartimento storico e documentario del ministero degli Esteri russo.

“Tutta la colpa dell’Occidente”

Putin non aveva nulla da perdere consentendo il rilascio delle copie originali, ha affermato Paul Goble, un esperto di lunga data di Eurasia.
” Primo, Putin sta ostentando il patto ora per dimostrare che non gli interessa davvero quello che pensa l’Occidente, qualcosa che gioca alla sua base e che può farla franca perché i leader occidentali con i loro problemi non sono disposti ad affrontare quello che sta facendo “, ha detto Goble.” E in secondo luogo, i commentatori russi e gli insegnanti russi al seguito stanno tornando sempre più alla descrizione sovietica del patto: è tutta colpa dell’Occidente. “
Behrends, i Molotov- Il patto Ribbentrop simboleggia “il desiderio di Putin di tornare a sfere di influenza”. Prima del 1914 l’Europa orientale era governata da imperi. Gli stati nazione sovrani vennero alla luce dopo la prima guerra mondiale. Il patto nazista-sovietico del 1939 segnò il ritorno alla dominazione imperiale. L’Europa orientale cadde sotto l’occupazione nazista o sovietica “, ha spiegato Behrends.
Ma per la maggior parte dei russi l’esistenza del patto, per non parlare del suo significato, rimarrà probabilmente fuori dal radar collettivo.
Uvarova, l’insegnante, ha detto che con l’anno scolastico che inizia il 1 settembre, non ci saranno eventi in aula per celebrare l’80 ° anniversario del patto il 23 agosto.
“Ma non sarebbe comunque segnato, a essere onesti”, ha detto. “Il 1 settembre sarebbe segnato come l’inizio della seconda guerra mondiale” se le lezioni su questo argomento si tenessero il primo giorno di scuola.
“Ma il patto Molotov-Ribbentrop non lo farebbe”, ha detto. “Non attiriamo l’attenzione su di esso.”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *