L’influenza cheto, altri effetti collaterali cheto e come curarli

L’influenza cheto

Sintomi della cheto-influenza4:

  • Affaticamento
  • Mal di testa
  • Irritabilità
  • Difficoltà a concentrarsi (“nebbia del cervello”)
  • Mancanza di motivazione
  • Vertigini
  • Voglia di zucchero
  • Nausea
  • Crampi muscolari

La causa

L’influenza cheto si manifesta quando il tuo corpo passa da bruciare zuccheri a bruciare grassi per la maggior parte del suo fabbisogno energetico.

Passare da una dieta ricca di carboidrati a una molto -la dieta a basso contenuto di carboidrati riduce i livelli di insulina nel corpo, uno degli obiettivi primari di una dieta chetogenica.5

Quando i livelli di insulina sono molto bassi, il fegato inizia a convertire i grassi in chetoni, che sono la maggior parte delle cellule può essere utilizzato al posto del glucosio.6 Quando il tuo corpo utilizza principalmente chetoni e grassi per produrre energia, sei in uno stato di chetosi.

Tuttavia, il cervello e gli altri organi impiegano del tempo per adattarsi utilizzando questo nuovo carburante. Quando i livelli di insulina diminuiscono, il tuo corpo risponde espellendo più sodio nelle urine, insieme all’acqua.7 Per questo motivo, probabilmente ti ritroverai a urinare molto più spesso nella prima settimana circa di keto eating.

Questo cambiamento è responsabile di alcune delle rapide – e di solito molto gradite! – perdita di peso che si verifica nelle prime fasi di una dieta cheto. Tuttavia, la perdita di molta acqua e sodio è responsabile di molti dei sintomi spiacevoli dell’influenza cheto.

È risaputo che la risposta alla transizione cheto è molto individuale. Alcune persone possono sentirsi bene o leggermente stanche per un giorno o due dopo aver iniziato il cheto. All’altro estremo, ci sono quelli che sviluppano sintomi che hanno un forte impatto sulla loro capacità di funzionare per diversi giorni.8

Tuttavia, l’influenza cheto non deve essere insopportabile per nessuno se vengono prese le misure appropriate per rimediare.

La cura per l’influenza cheto

I sintomi dell’influenza cheto di solito scompaiono da soli entro pochi giorni o settimane, man mano che il corpo si adatta. Ma invece di soffrire inutilmente durante questo periodo, perché non affrontare la causa e iniziare a sentirsi meglio in questo momento? Il primo passaggio è di gran lunga il più importante e spesso è tutto ciò che serve.

Suggerimento: aumenta l’assunzione di sale e acqua

Poiché la perdita di sale e acqua è responsabile della maggior parte dei problemi di influenza cheto, aumentare l’assunzione di entrambi può aiutare a ridurre significativamente i sintomi e spesso eliminarli del tutto.9

Durante le prime settimane di il tuo stile di vita cheto, ogni volta che sviluppi mal di testa, letargia, nausea, vertigini o altri sintomi, bevi un bicchiere d’acqua con mezzo cucchiaino di sale mescolato.

Questo semplice l’azione può alleviare i sintomi dell’influenza cheto entro 15-30 minuti. Sentiti libero di farlo due volte al giorno o più, se necessario.

O per un’alternativa gustosa, bevi consommé, brodo, brodo di ossa, brodo di pollo o brodo di manzo e aggiungi un cucchiaio di burro salato, se lo desideri. Oppure, se stai usando brodo o brodo di ossa a basso contenuto di sodio, aggiungi un pizzico o due di sale.

Inoltre, assicurati di bere abbastanza acqua. Più sei grande, più acqua probabilmente perderai nelle prime fasi del cheto e più dovrai sostituirla. Una buona regola pratica è bere un minimo di 2,5 litri di liquidi ogni giorno durante la prima settimana di cheto.10

Ciò non significa che devi bere almeno 2,5 litri di acqua naturale oltre a le altre tue bevande. Anche se bere molta acqua è importante, anche caffè e tè contribuiscono all’assunzione di liquidi.11 Tuttavia, cerca di mantenere modesta l’assunzione di caffeina (circa 3 tazze di caffè al giorno), poiché quantità elevate possono potenzialmente aumentare la perdita di acqua e sodio.12

Ottenere abbastanza acqua, sodio e altri elettroliti come magnesio e potassio può anche aiutare con un altro problema che le persone spesso sperimentano nelle prime fasi di una dieta cheto: la stitichezza.

Ulteriori informazioni sull’integrazione di elettroliti in una dieta cheto

Più grassi = meno sintomi

L’aumento dell’assunzione di sale e liquidi di solito risolve la maggior parte degli effetti collaterali dell’influenza cheto. Tuttavia, se continui a sentirti male dopo aver seguito questi consigli, prova a mangiare più grassi.

A causa di decenni di disinformazione sul fatto che il grasso non è salutare, la fobia del grasso è comune tra le persone che non hanno mai mangiato a basso contenuto di carboidrati.13 Ma se riduci drasticamente i carboidrati senza aumentare l’assunzione di grassi, il tuo corpo penserà di morire di fame. Ti sentirai stanco, affamato e miserabile.14

Una dieta cheto ben bilanciata include abbastanza grassi per assicurarti di non avere fame dopo un pasto, può resistere per diverse ore senza mangiare e avere molta energia .

Assicurati di aumentare l’assunzione di grassi all’inizio del tuo viaggio cheto fino a quando il tuo corpo non si adatta all’uso di grassi e chetoni per la maggior parte del suo fabbisogno energetico. Una volta che ti sei adattato al grasso, lascia che il tuo appetito ti guidi nel ridurre un po ‘il grasso e vedere quanto hai bisogno per sentirti soddisfatto.

In breve: in caso di dubbio, aggiungi burro o altri grassi al cibo. E dai un’occhiata ai nostri 10 migliori consigli per aumentare l’assunzione di grassi. Puoi anche seguire le nostre ricette cheto, che contengono abbastanza grassi in relazione a carboidrati e proteine.

Transizione più lenta

L’aggiunta di più acqua, sale e grassi non ha aiutato molto? Ti senti ancora dolorante, stanco e spento?

Ti consigliamo di provare a sopportare il consumo di cheto per qualche giorno in più fino alla scomparsa dei sintomi. La ricerca suggerisce che una dieta a bassissimo contenuto di carboidrati è la migliore per la perdita di peso e problemi metabolici come il diabete di tipo 2. I sintomi dell’influenza Keto sono solo temporanei: spariranno da tempo una volta che sarai un bruciagrassi.

Puoi, tuttavia, rallentare la transizione verso un’alimentazione chetogenica consumando qualche altro carboidrato, ad esempio seguendo una dieta a basso contenuto di carboidrati più moderata che fornisce da 20 a 50 grammi di carboidrati al giorno.

Mangiare leggermente più carboidrati possono potenzialmente rallentare la perdita di peso e portare a miglioramenti della salute meno rapidi e drammatici.16 Tuttavia, può comunque portare a una salute migliore, soprattutto se si eliminano lo zucchero e gli alimenti trasformati. E l’influenza cheto non sarà più un problema.

Una volta che ti sei adattato al consumo di carboidrati a basso contenuto di carboidrati, sentiti libero di provare a mangiare di nuovo meno di 20 grammi di carboidrati per vedere se il tuo corpo preferisce questo o un apporto di carboidrati leggermente superiore.

Vacci piano con l’attività fisica

Sebbene molte persone ritengano che la loro energia e resistenza migliorino con uno stile di vita cheto, provare a fare troppo nelle prime fasi può peggiorare i sintomi dell’influenza cheto.17

Il noto ricercatore chetogenico Dr. Steve Phinney ha condotto studi su atleti di resistenza e adulti obesi dimostrando che le prestazioni fisiche diminuiscono durante la prima settimana di consumo di carboidrati molto bassi.18 Fortunatamente, la sua ricerca mostra anche che le prestazioni tipicamente si riprendono – e spesso migliora – entro 4-6 settimane.

Camminare, fare stretching o fare yoga dolce o altri esercizi corpo-mente dovrebbero andare bene e potrebbero anche aiutarti a sentirti meglio. Ma quando il tuo corpo è già sotto stress per il tentativo di adattarsi a un nuovo sistema di alimentazione, non caricare su di esso un carico aggiuntivo tentando qualsiasi tipo di allenamento faticoso. Vacci piano per le prime settimane e poi aumenta lentamente l’intensità dell’esercizio.

Non limitare consapevolmente l’assunzione di cibo

Alcune persone scoprono di non essere molto affamate la prima settimana di cheto perché sono nauseati o hanno un mal di testa che riduce il loro appetito. Altri ancora potrebbero essere piuttosto affamati e preoccuparsi di mangiare troppe calorie per ottenere il tipo di perdita di peso rapida di cui hanno sentito parlare.

La dieta Atkins inizia con l’induzione, la sua fase più severa che lo consente bruciare i grassi al massimo e entrare rapidamente in chetosi. Con questa dieta, a patto che i carboidrati siano limitati a 20 grammi o meno al giorno, puoi mangiare tutti i cibi consentiti di cui hai bisogno per sentirti pieno.

Non è una buona idea concentrarsi sulle calorie quando stai cercando di adattarti al cheto. Lasciarti avere fame o stressarti per la quantità di cibo che stai mangiando potrebbe persino peggiorare i sintomi dell’influenza cheto.19 Una volta che sei costantemente in chetosi, probabilmente il tuo appetito diminuirà e finirai naturalmente per mangiare di meno.20

Mangia tutti gli alimenti consentiti fino a quando non hai più fame e fai spuntini keto come uova sode disponibili nel caso in cui la fame colpisca tra i pasti. D’altra parte, assicurati di evitare di saziarti eccessivamente mangiando lentamente e prestando attenzione ai segnali di fame e sazietà.

Il Dr. I suggerimenti di Eric Westman

Scopri di più su come ottenere i migliori risultati e il minor numero di effetti collaterali su una dieta chetogenica dal famoso esperto di cheto Dr. Eric Westman. Il suo video corso in cinque parti è sul nostro sito di abbonamento (un mese di prova gratuita).

Nel video n. 3/5, discute come evitare al meglio i problemi di transizione come l’influenza cheto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *