La varicella nei bambini e negli adolescenti

Informazioni sulla varicella

La varicella è una malattia contagiosa causata dal virus Varicella zoster.

La varicella può diffondersi attraverso:

  • contatto fisico diretto con qualcuno che ha la varicella
  • starnuti e tosse
  • contatto fisico diretto con qualcuno che ha l’herpes zoster.

Come la varicella, l’herpes zoster è causato dal virus della varicella zoster. Se in precedenza hai avuto la varicella e il virus si è riattivato, puoi contrarre l’herpes zoster.

Sintomi della varicella

I bambini infettati dal virus della varicella di solito non hanno sintomi fino a 2- 3 settimane dopo il contatto.

Nei bambini, la malattia di solito inizia con una sensazione generale di stanchezza, febbre e gonfiore delle ghiandole. Nei successivi 3-5 giorni, si manifesta un’eruzione cutanea.

All’inizio, questa eruzione cutanea appare come macchie rosse, che si sviluppano in colture di piccole vesciche sul petto, sulla schiena, sulla pancia o sul viso. Questi appaiono presto sul resto del corpo e potrebbero anche venire alla bocca o alle orecchie, o sui genitali o sugli occhi. Le vesciche sono estremamente pruriginose e quelle nuove si formano quando quelle più vecchie si formano delle croste e si seccano. Le croste possono richiedere diverse settimane prima che cadano.

L’eruzione cutanea non lascia cicatrici a meno che le vesciche o le croste non siano graffiate o le piaghe non vengano infettate.

I sintomi della varicella tendono a essere molto più mite nei bambini che negli adulti.

La varicella è contagiosa da due giorni prima che compaia l’eruzione cutanea fino a quando tutte le piaghe o vesciche esistenti hanno formato croste e sono completamente secche. Questo di solito richiede circa una settimana.

Complicazioni e rischi della varicella

I bambini sani hanno principalmente un’eruzione cutanea pruriginosa ma non altre complicazioni. Raramente, le piaghe da varicella possono essere infettate da batteri. I batteri possono continuare a causare altre malattie come la polmonite e l’encefalite.

Alcuni bambini sono ad alto rischio se vengono a contatto con la varicella. Il virus può influenzarli molto gravemente. Questi bambini includono:

  • neonati
  • bambini non immunizzati
  • bambini con bassa immunità
  • bambini con cancro
  • bambini che assumono farmaci immunosoppressori come corticosteroidi ad alto dosaggio.

Questi bambini devono essere tenuti lontani da persone con varicella o persone che potrebbero essere state infettate da varicella ma non lo sono Non mostra ancora sintomi.

Tuo figlio ha bisogno di vedere un medico per la varicella?

Dovresti portare tuo figlio dal medico di famiglia se temi che tuo figlio possa avere la varicella.

Dovresti anche parlare con il tuo medico di famiglia se tuo figlio si trova in uno dei gruppi ad alto rischio di cui sopra ed è stato in contatto con qualcuno che potrebbe avere la varicella.

Le donne che sono incinte sono anche ad alto rischio e dovrebbe vedere un medico di famiglia.

Trattamento per la varicella

I bambini con la varicella di solito hanno bisogno di cure solo per alleviare sintomi come prurito e febbre.

Per aiutare con il prurito, immergere le garze in bicarbonato di zolla a e innaffia e metti gli assorbenti sulle piaghe. Anche creme come la lozione alla calamina potrebbero aiutare. Se tuo figlio non sopporta davvero il prurito, il medico potrebbe prescriverti un medicinale antistaminico.

Dagli il paracetamolo secondo le istruzioni se tuo figlio ha la febbre.

Assicurati che il tuo il bambino riceve molti liquidi e si riposa.

Se tuo figlio ha la varicella, può aiutare a tenere le unghie corte. In questo modo, se si gratta, è meno probabile che le piaghe vengano infettate. Puoi anche mettere i guanti sui bambini più piccoli.

Ai bambini che hanno la varicella molto grave e che devono essere ricoverati in ospedale potrebbero essere somministrati farmaci antivirali, più comunemente l’aciclovir.

Tieni tuo figlio lontano dall’asilo, dall’asilo o dalla scuola fino a quando l’ultima vescica non si sarà ricoperta.

Non somministrare l’aspirina a tuo figlio. I bambini trattati con l’aspirina potrebbero sviluppare la sindrome di Reye, una condizione rara ma molto grave.

Prevenzione della varicella

Il modo migliore per evitare la varicella è far vaccinare tuo figlio.

Come parte dell’Australian National Immunization Program (NIP), tuo figlio riceverà l’immunizzazione gratuita contro la varicella a 18 mesi (a meno che non abbia già avuto la varicella) o al 7 ° anno della scuola secondaria (se non ha avuto la varicella immunizzazione o infezione).

L’immunizzazione contro la varicella è consigliata anche per i bambini dai 14 anni in su, nonché per gli adulti che non sono stati immunizzati contro la varicella o che non hanno ancora avuto la malattia. Questo non viene pagato con il NIP.

L’immunizzazione per la varicella è efficace intorno al 90%. Ciò significa che, raramente, alcuni bambini continuano a contrarre la varicella anche se sono stati immunizzati. Ma la malattia tende ad essere più breve e le vesciche della pelle non sono così gravi.

Le persone con l’herpes zoster dovrebbero coprire l’eruzione cutanea per ridurre il rischio di trasmettere il virus a tutti i bambini.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *