La donna si sveglia dopo 27 anni di incoscienza

Si sa che solo una manciata di persone ha avuto una guarigione simile.

Terry Wallis, dell’Arkansas, aveva 19 anni quando è scivolato giù da un ponte in un camioncino. Ha pronunciato la sua prima parola dall’incidente, “Mamma”, quasi due decenni dopo, nel 2003.

La sua guarigione è stata così insolita che gli scienziati l’hanno usata come un’opportunità per studiare come funziona il cervello e per aiutare a determinare quali pazienti con gravi danni cerebrali avevano le migliori possibilità di guarigione.

La questione è spesso di vitale importanza. In una sentenza storica del 1976, la Corte Suprema del New Jersey ha stabilito all’unanimità che il padre di Karen Ann Quinlan aveva il diritto di decidere di rinunciare a cure salvavita per suo conto. La signora Quinlan è morta nel 1985, un decennio dopo essere entrata in coma.

Il caso di Terri Schiavo, una donna della Florida che ha trascorso 15 anni in uno stato vegetativo persistente prima che il tubo di alimentazione fosse rimosso nel 2005, ha alimentato un ulteriore dibattito negli Stati Uniti e oltre sul diritto di una persona di vivere o morire.

Con le cure mediche, alcuni possono rimanere in uno stato di ridotto stato di coscienza per decenni Aruna Shanbaug, un’infermiera indiana, ha trascorso più di 40 anni in tali condizioni fino alla sua morte all’età di 66 anni nel 2015. Era stata lasciata in uno stato vegetativo permanente dopo essere stata strangolata con una catena di metallo durante un’aggressione sessuale.

Mr. Webair, il figlio della signora Abdulla, ha detto di aver evitato lesioni gravi nell’incidente del 1991 perché sua madre aveva visto arrivare l’incidente ed era riuscita ad abbracciarlo prima dell’impatto.

“Per me era come l’oro; più tempo passava, più diventava preziosa “, ha detto a The National.

Secondo il giornale, la signora Abdulla, che è tornata negli Emirati Arabi Uniti, è in cura in un ospedale di Abu Dhabi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *