I vantaggi e gli svantaggi di una protesi di spalla inversa

Due articolazioni del nostro corpo, la spalla e l’anca, sono speciali. Queste articolazioni consentono un’incredibile gamma di movimento grazie alla loro configurazione unica a sfera e presa.

Nel caso della spalla, la palla è attaccata alla parte superiore dell’omero, o osso del braccio, e l’alveolo è formato da una depressione nella scapola, o osso della spalla.

Ulteriori informazioni: struttura articolare della spalla

I danni ai muscoli della cuffia dei rotatori possono essere il risultato dell’usura dell’osteoartrosi della spalla. Guarda: video sull’osteoartrite della spalla

Quando l’articolazione della spalla è degenerata a causa dell’artrite, la palla e l’incavo possono essere sostituiti con parti sintetiche. Ma a volte il chirurgo può raccomandare di invertire l’articolazione, quindi la palla è attaccata alla spalla e la presa si sposta sul braccio. Questa è chiamata sostituzione della spalla inversa.

Vedere Scelta della sostituzione della spalla inversa

pubblicità

Perché invertire l’articolazione?

Cosa motiverebbe un chirurgo a voler cambiare le posizioni della palla e dell’incavo nell’articolazione della spalla?

Leggi Chi riceve la sostituzione inversa della spalla?

Ci sono alcuni motivi per cui questo tipo di protesi articolare è la scelta migliore per un paziente:

  • Danno grave o irreparabile alla cuffia dei rotatori
    La cuffia dei rotatori è un gruppo di quattro muscoli che collegano la scapola all’omero e circondano l’articolazione della spalla. La cuffia dei rotatori può danneggiarsi o strapparsi a causa di una lesione acuta improvvisa o per anni di usura graduale. Questo danno fa sì che l’articolazione della spalla diventi instabile e troppo debole per supportare il movimento della spalla e del braccio. Nei casi più gravi, la spalla può persino sentirsi paralizzata.

    Tuttavia, invertire l’articolazione può ridurre la pressione sulla cuffia dei rotatori, perché i muscoli che alimentano il movimento del braccio si trasferiscono ai muscoli deltoidi della spalla anziché ai muscoli della cuffia dei rotatori.

  • Una protesi di spalla tradizionale che ha fallito
    Una protesi di spalla tradizionale può fallire se, ad esempio, i componenti artificiali si staccano dall’osso. Piuttosto che ripetere una sostituzione tradizionale, il chirurgo può consigliare una sostituzione inversa della spalla.
  • Vedere Rischi e complicazioni della sostituzione totale della spalla

  • Spalla fratturata
    Se la spalla è fratturata, potrebbe causare instabilità e debolezza allo stesso modo di una lesione della cuffia dei rotatori. Questo rende una sostituzione della spalla inversa un’opzione migliore.

La maggior parte delle persone che hanno una sostituzione della spalla inversa sarà comunque autorizzata a nuotare dopo il recupero. Ulteriori informazioni: scelta della sostituzione inversa della spalla

Possibili svantaggi e complicazioni

Nel complesso, la sostituzione inversa della spalla è un intervento chirurgico di successo: il 90% delle sostituzioni inverse della spalla dura almeno 10 anni. Ma come qualsiasi intervento chirurgico, la procedura presenta rischi e complicazioni.

Leggi Rischi e complicazioni della sostituzione inversa della spalla

Questi possono includere quanto segue:

  • Limitazioni dell’attività
    La sostituzione inversa della spalla aiuta ad alleviare lo stress sui muscoli della cuffia dei rotatori, ma questi muscoli sono ancora danneggiati. L’articolazione è ancora vulnerabile all’instabilità e alla possibile lussazione.

    Ciò significa che i pazienti possono avere alcune limitazioni di attività dopo l’intervento chirurgico, soprattutto per le attività che implicano una forza extra sulla spalla. Ad esempio, spesso possono ancora nuotare, ma gli verrà chiesto di evitare il tennis o altri sport con racchetta.

  • Vedi Esercizi per le spalle per l’artrite

  • Problemi con il parti protesiche
    Le parti protesiche possono causare problemi se non sono allineate correttamente o se si allentano dopo l’intervento. Questi problemi di solito possono essere corretti con successo attraverso un intervento di revisione.
  • Danni ai nervi o ai vasi sanguigni
    Quasi tutti gli interventi chirurgici comportano il rischio di danni accidentali ai nervi o ai vasi sanguigni che circondano il sito chirurgico. Tuttavia, il rischio è basso.
  • Infezione
    Quasi tutte le procedure chirurgiche comportano anche un certo rischio di infezione. La maggior parte delle infezioni post-chirurgiche può essere trattata con antibiotici.
  • Coaguli di sangue
    Ogni volta che si rimane a letto per un periodo prolungato dopo un intervento chirurgico, si è a rischio di coaguli di sangue a causa della trombosi venosa profonda. Gli operatori sanitari aiutano a ridurre questo rischio chiedendo ai pazienti di indossare calze compressive, alzarli dal letto e attivarli il prima possibile e prescrivere fluidificanti del sangue secondo necessità.

Ulteriori informazioni:

  • Esercizi di rafforzamento della spalla
  • Alternative cementate e non cementate nella sostituzione dell’articolazione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *