Clausola della nazione più favorita

Qual è la clausola della nazione più favorita?

La clausola della nazione più favorita?

La clausola della nazione favorita è una clausola che richiede a un paese di fornire concessioni, privilegi o immunità che devono essere concessi a una nazione in un accordo commerciale Accordi commerciali regionali Gli accordi commerciali regionali si riferiscono a un trattato firmato da due o più paesi per incoraggiare la libertà circolazione di beni e servizi attraverso o da concedere a tutti gli altri paesi membri dell’Organizzazione mondiale del commercio (OMC). Nelle relazioni economiche internazionali, è uno status che ha lo scopo di promuovere pari livelli di trattamento a tutti i paesi membri nel commercio internazionale.

Capire la clausola della nazione più favorita

La clausola della nazione più favorita è un termine che viene dato a un determinato paese e implica che il destinatario del trattamento favorevole deve ricevere vantaggi commerciali uguali come il nazione più favorita della politica commerciale di un paese.

Significa essenzialmente che qualsiasi paese con lo status di nazione “più favorita” non può essere trattato in modo meno vantaggioso degli altri paesi all’interno dell’Organizzazione mondiale del commercio. L’OMC promuove la parità di trattamento di tutti i paesi per quanto riguarda gli accordi commerciali.

Ad esempio, se un paese all’interno dell’Organizzazione mondiale del commercio desse normalmente una tariffa del 5% a un paese, ma una tariffa del 7% agli altri paesi membri. La clausola della nazione favorita impone loro di applicare una tariffa del 5% a tutti i paesi membri.

Insieme al principio del trattamento nazionale, che è un principio del diritto internazionale che richiede che il trattamento degli stranieri e quello locale sia uguale, la clausola della nazione più favorita è un fondamento del diritto commerciale dell’OMC. Il diritto commerciale dell’organizzazione ha lo scopo di promuovere politiche commerciali non discriminatorie tra i paesi membri.

Un’eccezione alla clausola della nazione più favorita può essere concessa ai paesi in via di sviluppo che possono ricevere un trattamento più favorevole rispetto ai più favoriti nazione.

Un trattamento favorevole include l’uso di vantaggi commerciali, come:

  • Tariffe basse
  • Quote di importazione elevate
  • Accordi di libero scambio
  • Unioni doganali Unione doganale Un’unione doganale è un accordo tra due o più paesi vicini per rimuovere le barriere commerciali, ridurre o abolire i dazi doganali e

tariffe

Una tariffa è essenzialmente una tassa sulle importazioni e le esportazioni Importazioni ed esportazioni Le importazioni sono i beni e servizi che vengono acquistati dal resto del mondo dai residenti di un paese, piuttosto che acquistare sul mercato interno tra paesi commerciali. È una politica che di solito è in atto per tassare i beni stranieri e incoraggiare il consumo di prodotti nazionali. Le tariffe sono anche utilizzate come forma di reddito per il governo di un paese. Per i paesi esportatori, una tariffa bassa è favorevole, poiché l’esportatore può commerciare più liberamente.

Quote di importazione

Le quote di importazione si riferiscono a una restrizione commerciale che stabilisce un limite massimo al numero di merci che possono essere importate in un paese in un determinato periodo di tempo. Incoraggia un minor consumo di merci straniere e, come le tariffe, incoraggia il consumo di prodotti nazionali. Per i paesi esportatori, garantire una quota di importazione elevata è favorevole, poiché l’esportatore può esportare più merci.

Accordo di libero scambio

Un accordo di libero scambio è un trattato o un accordo di diritto internazionale che costituisce un’area di libero scambio tra i paesi cooperanti. Incoraggia più scambi e può portare all’eliminazione di dazi e quote di importazione Quote di importazione Le quote di importazione sono limiti imposti dal governo alla quantità di un determinato bene che può essere importato in un paese. In generale, tali quote sono messe in atto per proteggere le industrie nazionali e i produttori vulnerabili ..

Unioni doganali

L’unione doganale è un tipo di blocco commerciale, che è un’area di libero scambio all’interno dei paesi membri che condividono una tariffa esterna comune con i paesi terzi. Sono stabiliti tramite patti commerciali e incoraggiano un maggiore libero scambio tra i paesi membri.

Storia della clausola della nazione più favorita

Lo status di nazione più favorita è stato stabilito tra i paesi come già nell’XI secolo. Il concetto moderno apparve intorno al XVIII secolo, dove di solito veniva applicato tra due paesi: un paese avrebbe concesso a un altro lo status di “nazione più favorita”.

Dopo la seconda guerra mondiale, ci furono molti accordi commerciali e tariffe negoziate tramite l’Accordo generale sulle tariffe doganali e il commercio (GATT), che ha portato alla creazione dell’Organizzazione mondiale del commercio nel 1995. L’Organizzazione mondiale del commercio è un’organizzazione che mira a mantenere la regolamentazione del commercio internazionale tra paesi.

Vantaggi della clausola della nazione più favorita

La clausola della nazione più favorita offre i seguenti vantaggi:

1.Aumenta il libero scambio

La clausola della nazione più favorita aumenta la creazione di scambi e diminuisce le deviazioni commerciali, incoraggiando essenzialmente più libero scambio tra i paesi. Consente risultati più efficienti poiché i produttori con il costo più basso possono esportare merci nelle aree con la maggiore domanda senza l’intervento del governo.

2. Parità di trattamento dei paesi svantaggiati

La clausola della nazione più favorita consente ai paesi più piccoli di partecipare a vantaggi che normalmente potrebbero non ricevere poiché sono trascurati tra i grandi attori del commercio globale. La clausola aiuta i piccoli paesi a negoziare condizioni commerciali favorevoli che normalmente non riceverebbero.

3. Semplifica le leggi commerciali

L’implementazione della clausola della nazione più favorita semplifica i complessi accordi commerciali stabiliti bilateralmente tra i paesi. Se tutti i paesi rispettano le stesse condizioni commerciali, le leggi commerciali sono molto più semplici.

Letture correlate

CFI è il fornitore ufficiale del Certified Banking & Certificazione Credit Analyst (CBCA) ™ CBCA® L’accreditamento Certified Banking & Credit Analyst (CBCA) ® è uno standard globale per gli analisti del credito che copre finanza, contabilità, analisi del credito, analisi dei flussi di cassa, modelli di covenant, rimborsi di prestiti e altro ancora. programma di certificazione, progettato per trasformare chiunque in un analista finanziario di livello mondiale.

Per continuare ad apprendere e sviluppare la tua conoscenza dell’analisi finanziaria, consigliamo vivamente le risorse aggiuntive di seguito:

  • Area di libero scambio Area di libero scambio Un’area di libero scambio (FTA) si riferisce a una regione specifica in cui un gruppo di paesi firma un accordo commerciale che sigilla la cooperazione economica
  • Accordo di libero scambio nordamericano (NAFTA) Libero scambio nordamericano Accordo (NAFTA) L’Accordo di libero scambio nordamericano (NAFTA) è un accordo che ha riunito tre paesi nordamericani, ovvero Stati Uniti, Canada e
  • Barriere non tariffarie Barriere non tariffarie Barriere non tariffarie sono barriere commerciali che limitano l’importazione o l’esportazione di merci attraverso mezzi diversi dalle tariffe. Il commercio mondiale
  • Unione economica Unione economica Un’unione economica è uno dei diversi tipi di blocchi commerciali. Si riferisce a un accordo tra paesi che consente a prodotti, servizi e lavoratori di attraversare liberamente le frontiere. Il sindacato ha lo scopo di eliminare le barriere commerciali interne tra i paesi membri, con l’obiettivo di avvantaggiare economicamente tutti i paesi membri.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *