Bluetooth prende il nome da un re medievale che potrebbe aver avuto un dente blu


Bluetooth era non dovrebbe mai essere chiamato Bluetooth. Nel 1996, un consorzio di aziende – Intel, Ericsson, Nokia e successivamente IBM – decise di creare un unico standard wireless. Ogni azienda aveva sviluppato le proprie tecnologie radio a corto raggio, ma tutti i nomi che avevano inventato facevano schifo. Poi è arrivato un oscuro re scandinavo del Medioevo.

Video recente

Questo browser non supporta l’elemento video.

Re Harald Gormsson è famoso per aver governato la Danimarca e poi la Norvegia tra il 940 e il 986 circa, unendo infine tutta la Scandinavia. Fu anche colui che convertì i danesi al cristianesimo. Come molti sovrani medievali, aveva anche un soprannome: blátǫnn in antico norvegese o Blåtand in danese. Significa Bluetooth. L’origine esatta del soprannome è in discussione, ma molti studiosi ritengono che il re Harald sia diventato noto come Bluetooth perché aveva un dente morto evidente che sembrava letteralmente blu. Ha senso.

Che cosa ha a che fare tutto questo con gli standard della tecnologia wireless della metà degli anni ’90? Tutto, in realtà. Mentre le tre società sopra menzionate facevano fatica a sviluppare il loro nuovo standard, l’ingegnere Intel Jim Kardach è andato a bere con l’ingegnere della Ericsson Sven Mattisson. Nell’estate del 1997, mentre le loro aziende lottavano per finalizzare il loro standard wireless, i due uomini uscirono a bere a Toronto dopo aver perso una competizione per uno specifico sistema radio. Kardach stava lavorando a un programma chiamato Business-RF presso Intel, mentre Mattisson aveva sviluppato una tecnologia simile chiamata MC Links per Ericsson. Nokia aveva il proprio programma RF a bassa potenza, ma a quanto pare il loro ingegnere non poteva andare a bere qualcosa.

G / O Media potrebbe ricevere una commissione

Pubblicità

Durante il loro giro dei pub, Kardach e Mattisson hanno iniziato a parlare di storia. Mattisson aveva appena letto un libro intitolato The Longships di Frans G. Bengtsson che catalogava i viaggi dei guerrieri danesi sotto il regno di re Harald “Bluetooth” Gormsson. (Viene spesso chiamato semplicemente Harard Bluetooth.) Kardach tornò a casa e lesse I Vichinghi di Gwyn Jones, che in realtà aveva ordinato prima del viaggio. In esso, l’ingegnere amante della storia ha imparato di più sul Bluetooth. “Harald aveva unito la Danimarca e cristianizzato i danesi!” Kardach scrisse in una colonna un decennio dopo. “Mi è venuto in mente che questo sarebbe un buon nome in codice per il programma.”

Pubblicità

Kardach ha persino creato una presentazione PowerPoint per presentare l’idea ad altri nel gruppo di marketing formale. Come puoi vedere a sinistra, era un po ‘sciocco. Il gruppo ha discusso una serie di nomi, tra cui “Flirt” per suggerire che i dispositivi si avvicinano senza toccarsi, ma non sono riusciti a mettersi d’accordo su nulla. Bluetooth è diventato il nome in codice ufficiale, ma doveva essere solo un segnaposto. Quando è arrivato il momento per finalizzare il nome, tutte le aziende coinvolte nel progetto hanno accettato di utilizzare l’idea di IBM: PAN (personal area networking).

Ma poi, tra tutte le cose, il nome PAN presentava un problema SEO. I motori di ricerca hanno fornito migliaia di risultati per la parola, potenzialmente portando a problemi di marchio su tutta la linea. “Si decise allora che avremmo lanciato il SIG con il nome in codice” Bluetooth “”, ha spiegato Kardach, “ma poi avremmo cambiato il nome quando il gruppo di marketing ha inventato il nome ufficiale”. Il Bluetooth è stato un successo immediato, tuttavia, e il nome non è mai stato cambiato.

Pubblicità

Quando finalmente è arrivato il momento di creare un logo, il team è tornato alle origini nordiche di Bluetooth. L’ormai iconico logo Bluetooth è in realtà una combinazione, ufficialmente nota come runa vincolante, delle iniziali di King Bluetooth nelle rune scandinave: ᚼ e ᛒ. Quando ti unisci ai due per creare una runa vincolante e rilasciarla su uno sfondo blu, ottieni il familiare logo Bluetooth. L’immagine iconica può essere vista su milioni di dispositivi in tutto il mondo. Tutto a causa di un buon re e del suo dente cattivo.

Immagine tramite Wikipedia / Bluetooth

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *