Abiti vichinghi: cosa indossavano i vichinghi?

C’era una cosa come la moda vichinga? ? Mettiamo insieme indizi delle saghe con prove archeologiche per portarti questa guida all’abbigliamento vichingo.

Ti sei mai chiesto che tipo di vestiti indossassero i vichinghi? Come facevano a vivere in ambienti così difficili e a funzionare molto prima dei tessuti e dei design moderni?

Molto rimane un mistero e non si può rispondere in modo definitivo. Tuttavia, questo articolo metterà insieme ciò che sappiamo sugli indumenti vichinghi.

Come facciamo a sapere qualcosa sugli abiti vichinghi?

Sappiamo molto poco su conto delle limitate evidenze archeologiche disponibili. Nella maggior parte dei casi, materiali e tessuti non si conservano molto bene. Quando i frammenti vengono recuperati, di solito sono molto piccoli e spesso danneggiati.

Tuttavia, possiamo anche trarre da prove scritte come le saghe norrene. Insieme alle prove archeologiche, possiamo ricostruire un’immagine piuttosto accurata dell’abbigliamento vichingo.

L’influenza dell’ambiente

Durante l’era vichinga, l’ambiente era freddo, aspro e spietato. Sono queste le condizioni che hanno influenzato naturalmente il tipo di vestiti che indossavano i vichinghi.

Per saperne di più: Perché è iniziata l’era dei vichinghi?

Le condizioni fredde e ostili significavano che tutti gli indumenti dovevano essere mantenuti li riscaldano e li proteggono dalle intemperie nei mesi più freddi. Ma dovevano anche essere pratici e flessibili da indossare per le attività quotidiane che dovevano svolgere.

Si ritiene generalmente che le popolazioni germaniche del nord Europa indossassero indumenti identici o molto simili a quelli del Vichinghi. C’è una distinzione da fare tra gli abiti che indossavano gli uomini e i tipi di abbigliamento che indossavano le donne. I loro vestiti erano anche influenzati dal denaro e dall’importanza sociale.

Gerarchie vichinghe: abbigliamento come status symbol

Durante l’era vichinga, c’era una gerarchia sociale. Quelli di rango più elevato, in genere quelli con più monete d’argento, sono stati in grado di ottenere vestiti più belli e di qualità superiore.

Potresti non pensare che i vichinghi si preoccupassero troppo della moda, ma si dice che lo abbiano ha avuto una parte. In primo luogo, ci si vestirebbe per mostrare la propria posizione all’interno della comunità.

Più alto è il proprio status sociale, maggiore sarà la qualità del capo e potrebbe essere meglio presentato. In secondo luogo, alcuni vichinghi si vestivano per fare appello al sesso opposto.

Colori e motivi

Si potrebbe pensare che i vestiti vichinghi fossero fatti solo per praticità, noiosi e noiosi, per abbinarli le terre spesso cupe e grigie in cui vivevano. In effetti, gli esperti ritengono che provenissero da quello.

Si ritiene che molti dei loro vestiti fossero luminosi e colorati. Oltre al bianco e nero, i vichinghi avevano anche blu, rosso, giallo e vari altri colori tra cui scegliere. Ma alcuni colori saranno stati più difficili da trovare rispetto ad altri.

Per saperne di più: Viking Funerals & Rituali di sepoltura

Forse uno dei I colori più importanti in termini di significato era il colore rosso. Questo era un colore prezioso per il prestigio e anche in termini di valore monetario. Era uno dei colori più costosi perché derivava dalla radice della pianta della robbia, una pianta che non era originaria della Scandinavia. Invece, i vichinghi dovettero scambiarlo e barattarlo con altre tribù europee, il che aumentò il suo valore.

Alcuni vestiti avevano anche motivi intricati. Possiamo vedere dai dettagli trovati su cose come armi e persino navi lunghe quanto ai vichinghi piaceva decorare le cose. E questo indica che l’abbigliamento è tutt’altro che semplice e ordinario, forse in linea con la gerarchia o l’importanza sociale.

Cosa indossavano gli uomini vichinghi?

Anche gli strati erano grandi durante l’era vichinga. Che gli uomini costruissero navi, cacciassero o facessero incursioni, era importante per loro tenersi al caldo durante il loro lavoro fisico.

Gli indumenti di base erano probabilmente più leggeri e con maniche corte nei mesi più caldi e più spessi e più lunghi durante il buio inverno. I colori qui sono sconosciuti, ma è probabile che differissero dai colori menzionati in precedenza.

Sopra questo strato di base, gli uomini sarebbero stati una tunica. Questo indumento esterno era molto probabilmente leggermente più spesso e drappeggiato fino alle ginocchia. Alcune delle tuniche potrebbero anche essere state modellate o avere simboli significativi intessuti per i membri più significativi.

Uomo i pantaloni erano relativamente semplici. Non avevano tasche e potevano essere sia larghi che stretti. Sono stati prodotti utilizzando lana o lino locale.

Forse non sorprende che la biancheria intima maschile fosse realizzata principalmente in lino piuttosto che in lana.Questo perché il lino era molto più a suo agio sulla pelle rispetto alla lana, anche se alcuni di quelli nelle cerchie sociali più basse molto probabilmente non avevano altra scelta che indossare la lana perché era molto più economica.

Infine, quasi come il I vichinghi prevedevano una tendenza della moda negli anni ’80, anche gli uomini indossavano leggings o avvolgimenti di lana dalle ginocchia alle caviglie e ai piedi.

Vestiti per donne vichinghe

Rivolgiamo la nostra attenzione alle donne vichinghe , possiamo vedere alcune differenze. Erano realizzati in gran parte con gli stessi materiali, lana e lino, ma erano tagliati in modo diverso.

Anche per le donne era importante stare al caldo. Uno strato di base consisteva in un sottoveste di lino che si estendeva dalla spalla fino alla caviglia. Questo livello era semplice o fantasia a seconda della comunità vichinga a cui si apparteneva.

Inoltre, era probabile un vestito con cinturino in lana leggermente più corto. I due strati erano fissati insieme alle cinghie da due spille in ferro o bronzo. Se una donna era di rango molto elevato, avrebbe potuto avere spille d’oro.

Né i vestiti degli uomini né quelli delle donne contenevano bottoni. Né avevano aggiunte pratiche come le tasche. Ma i cappucci o qualche tipo di capo di abbigliamento in lana o lino sarebbero stati comuni durante l’inverno.

Per saperne di più: Nomi vichinghi popolari

Gli indumenti di seta erano disponibili ma perché dovevano esserlo importati da grandi distanze, non erano usati così tanto, forse riservati solo ai membri d’élite delle società vichinghe.

Abiti da guerriero vichingo

I tipi di vestiti che gli uomini indossavano in battaglia erano un molto più robusto. Per quei lunghi viaggi si preferivano mantelli o tuniche molto più spesse, magari fatte di qualcosa di simile alla pelle di pecora o di qualche altro animale. In questo caso, era fondamentale tenersi al caldo in vista di una battaglia o di un’incursione.

In battaglia, una robusta cintura di cuoio intorno alla vita avrebbe tenuto le armi in posizione, ma significava anche che erano facilmente raggiungibili in caso di bisogno. La cintura avrebbe tenuto un’ascia, una spada e altri strumenti più piccoli usati in battaglia e saccheggi.

Gli uomini indossavano anche una spessa armatura di cuoio per proteggersi e avevano uno scudo per proteggersi da colpi di spada o colpi di ascia. In genere, però, ad eccezione degli elmi di metallo (senza corna, ovviamente), i Vichinghi non avevano indumenti o armature eccessivamente pesanti, soprattutto perché erano un ostacolo alla loro manovrabilità in battaglia.

Calzini vichinghi

In inverno era importante stare al caldo, quindi sarebbe molto comune per i vichinghi indossare cose come calzini di lana, sciarpe o persino guanti.

Tali articoli non sono stati lavorati a maglia come ci si potrebbe aspettare, ma realizzati durante la tecnica nota come Nálbinding (rilegatura ad ago). Questo processo assicurava che i calzini, o guanti e sciarpe, fossero molto resistenti e resistenti.

Scarpe vichinghe

Era comune che le scarpe vichinghe fossero alte fino alla caviglia, sebbene gli stivali fossero anche indossato. Entrambi sono stati realizzati in pelle con un processo noto come tecnica del “turnshoe”. Ha coinvolto la scarpa o il libro che veniva fatto – cucito – al rovescio e poi tirato nella sua forma finale. Le scarpe erano probabilmente allacciate da almeno un alamaro che potevano regolare per una migliore vestibilità.

Anche se le scarpe erano fatte di pelle, non duravano più di pochi mesi e certamente non oltre un anno. La suola probabilmente si logorerebbe a causa dell’usura e richiederebbe la sostituzione.

Il tipo di vestiti indossati dai vichinghi era soprattutto per scopi pratici. E proprio come oggi, quello che indossavano è cambiato con il cambio delle stagioni. Quelli di rango più elevato o semplicemente quelli con più soldi, gli indumenti potrebbero essere stati di migliore qualità con motivi o simboli.

Quindi la prossima volta che tiri fuori quel grande cappotto invernale nel tardo autunno, pensa ai Vichinghi, un persone con cui abbiamo più in comune di quanto potresti pensare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *